Guardare bambini guardare

Fotografare figli e figlie di altri è diventato impossibile. Più di una legge, oltre a regolamenti, documenti di consenso, “carte di Treviso” e di chissa quanti altri posti non soltanto impedisce la pubblicazione di immagini di minori, ma rende di fatto difficilissimo scattare una foto a un bambino che non conosciamo. E se fossero norme …

Continue reading

Basta un poco di zucchero

Secondo il Devoto, l’origine è onomatopeica, da ps…ps insomma. Non più soddisfacente la consultazione dei quattro volumi del dizionario etimologico Zanichelli. Il verbo “pisciare”, insomma, non deriva da altre parole, tantomeno da “pesci”, come “piscina”. E se pisciare derivasse da piscina? È uno dei dubbi che resta alla chiusura delle Olimpiadi di Londra. Phelps, carico …

Continue reading

Le verità fragili dell'industria farmaceutica

Londra: torna Laura e racconta della retrospettiva su Damien Hirst, uno dei più acclamati artisti contemporanei: fino al 9 settembre è in corso “a brilliant Tate show”, come ha scritto il Sunday Times. Sempre da Londra: nell’area blog del BMJ (che tra big Pharma e medicine complementari sta diventando un po’ troppo ecumenica), trovo un …

Continue reading

Regalare non è un dono. Condividere sì

Alla fine del giorno, Bismark ha guadagnato un euro. Basta per un piatto di riso e pomodoro e forse anche per una coscia di pollo cotta sulla brace che arde nel cerchione di un auto. E’ troppo poco, però, per dormire al riparo di una baracca. Passa la notte rannicchiato accanto alla carcassa di un …

Continue reading

A che serve una società scientifica?

Ne esistono tante. Troppe. A cosa dovrebbero servire? Ecco cinque parole chiave. Condivisione. Sharing è una parola entrata nel lessico quotidiano: dal file sharing al car sharing che, almeno in alcune grandi città, permette di condividere automobili sempre perfette al quasi simbolico costo di un abbonamento annuale. Condivisione non significa soltanto godere insieme di beni comuni, ma …

Continue reading

Dinosauri scolpiti: vita nuova per i libri?

In un’audizione alla Camera dei Lord nel 1995, Iain Chalmers segnalava il pericolo che le decisioni assunte dai medici britannici sulla base della consultazione di libri poco aggiornati rappresentassero un importante fattore di rischio per la salute del malato. A partire quella conferenza, tre Maestri della Medicina inglese scrissero al Lancet paragonando la manualistica scientifica …

Continue reading

Gli artisti sbagliano, i professionisti mai

Il fotografo dei volti. “I look for the unguarded moment, the essential soul peeking out, experience etched on a person’s face.” Al MACRO di Testaccio c’è una mostra di Steven McCurry: molte foto, organizzate per “parole chiave” in un percorso snodato sotto igloo di plexiglas. Dopo averle guardate mornava in mente, McCurry, come giudice di …

Continue reading

Toccati dal medico

Quando Cesare, l’altra sera, mi ha chiesto di togliere la camicia e ha iniziato ad auscultarmi il petto ho provato un senso di sollievo. Ho avuto conferma che si stesse prendendo cura di me e sono sicuro che questo contatto abbia anche influenzato il risultato della misurazione della pressione. Per una volta, niente ipertensione da …

Continue reading