Prova costume per la comunicazione

Se hai pochi soldi, per decidere come spenderli conviene essere bene informati. Vale per la qualità di una giacca, ma ancora di più per il valore di una medicina o di una siringa. Però il tempo per ragionare sullo shopping non è mai sufficiente e le decisioni sono prese di corsa. Per avvicinarsi ad una …

Continue reading

Proust o Serra sullo smartphone?

Padroni di detestarlo, ma quello smartphone in tasca sta cambiando noi insieme al mondo. Una ricerca del Pew Internet Center mostra che su cento persone che leggono un e-book, 41 lo fanno sl cellulare. Quasi il doppio di chi si è accattato un e-reader (23 per cento) e molti di più di chi lo legge …

Continue reading

Trance da dentifricio e la difficoltà di decidere

Quando abbiamo poca scelta è più probabile che prendiamo una decisione. Se non ci credi, pensa alla espressione ebete che hai davanti agli scaffali del supermercato che espongono dentifrici [tu non ti vedi, ma noi sì: quindi, fidati: hai un’espressione da idiota]. Nello spazio di pochi secondi pensi al grado di abrasività della pasta del …

Continue reading

Riportare la salute al centro della sanità

Mangiare meno formaggio. Non andare in moto a fare la spesa. Arrivare alla partita di calcetto in tempo per fare il riscaldamento. Evitare di dormire a pancia sotto. Appena fa meno freddo, fare un’ora di corsa alla settimana. Ecco la mia “top five list”. Qualcosa del genere la propose Howard Brody alla medicina statunitense un …

Continue reading

Governo tra Twitter e retorica accademica

Dopo il papa, anche Monti: speriamo che Twitter aiuti entrambi a comunicare in modo migliore. Che fatica ascoltare il discorso di congedo del presidente del consiglio dimissionario: frasi interrotte, sguardo verso il tavolo alla ricerca di fogli, costante inseguimento delle parole più adatte, frequenti indecisioni. Per fortuna ha scoperto l’uccellino e i suoi 140 caratteri: …

Continue reading

Io vagabondo che son io

Metti l’Io dentro la Rete e può succedere di tutto. “You can have a sense of Self without being oneself” (questa l’ha detta Shirley Turkle). L’Io assume la forma che tu desideri gli altri percepiscano. Oppure può succedere che apparire autentici ed esserlo (autentici) non sia più la stessa cosa. O che il Self diventa …

Continue reading

Risparmiare soldi mai spesi

Ha scontentato tutti ma è diventata una moda; la spending review si applica ai bilanci aziendali e alle paghette dei figli: potevamo farci mancare di usarla per riconsiderare le spese per la formazione del personale sanitario? A pensarci per primo è stato il ministro Tremonti (a proposito: che fine avrà fatto?), che nella legge Finanziaria …

Continue reading

Se la gente è slow e le popolazioni meno

Cosa c’entrerà Eric Hobsbawm con il mondo di Slow Medicine? Molto probabile che non ci azzecchino nulla. Ad eccezione di una sensazione, simile a quei momenti che due grandi pensatori del secolo breve – Freud e Guccini – definirono felicemente come “déjà vu”. Tutto – beh, tutto è una parola grossa – nacque dalla polypill; …

Continue reading