Condividere rende divertente il fare

Come trasformare l’ennesimo invito a parlare ad un convegno in qualcosa di più interessante? Proponendo a chi organizza un argomento che ti obblighi a riflettere, se non a studiare. A costo di complicarsi la vita per una settimana. Milano: Palazzo delle stelline: Bibliostar 2014: 14 marzo 2014: workshop del GIDIF-RBM. Il titolo: Condividere rende divertente …

Continue reading

Ho detto no a Federico di Masterchef

“We feel that we don’t know the central character well enough.” All’ennesima lettera di rifiuto, JD Salinger decise di riscrivere The catcher in the rye e il giovane Holden si avviò a vendere 65 milioni di copie. “I recommend that it be buried under a stone for a thousand years”: dopo l’ultimo parere di un …

Continue reading

Il pentimento dei Nobel: non funziona niente

“Anvedi: quello se chiama come er bosone”. Sentita in un corridoio di un liceo romano, ma la lochescion poteva essere ovunque. Peter Higgs è un fisico britannico fresco di Nobel (2013) e con il disincanto che può permettersi solo chi è nelle sue condizioni ha confessato al Guardian una verità che ha fatto discutere. “After …

Continue reading

Twitter, Facebook e la piramide delle evidenze

Era ancora in culla è già la criticavano. Capita spesso: troppi capelli, l’occhietto storto, il nasino schiacciato, ma la medicina basata sulle prove non ha mai potuto godere della comprensione che, alla fin fine, permette ai neonati di superare la terribile prova della visita di parenti e amici. Da subito definita con disprezzo una “cookbook …

Continue reading

La Cochrane tra sirene del mercato e credibilità

Tempo di bilanci per la Cochrane Collaboration: sono trascorsi vent’anni dall’intuizione di Sir Iain Chalmers (passeggiando lungo un fiume ad Oxford…) e più di un protagonista di questa avventura si interroga su quanto è stato fatto e su quello che resterebbe da fare. Lo ha fatto Richard Smith, invitato dal BMJ a scrivere un Editoriale …

Continue reading

Manfredi in Fanteria e a noi l'astanteria

Le parole sono un gioco. Da Scarabeo a Ruzzle, dall’Eredità alla Settimana enigmistica, stiamo là a combinare lettere con l’incubo del tempo che scorre misurato da clessidre o cronometri. Le parole sono un gioco che presuppone l’urgenza di un tempo sempre prossimo allo scadere. Spostarsi da un pesce ad un amore passando per peschereccio rete …

Continue reading

Il conflitto di interessi si può eliminare

“Il conflitto di interessi non si può eliminare: bisogna fare in modo che venga contenuto e che non provochi danni”. Una intervista interessante a Marco Bobbio su Va’ Pensiero somiglia a una resa: i conflitti sono ineliminabili, le linee-guida devono essere scritte dagli opinion leader (e non da specializzandi, precisa il cardiologo torinese) e le …

Continue reading

La persona competente vede i rischi della tecnologia

“Le passeger qui, pour la premier fois, s’élève dans l’air, va d’étonnement en étonnement. Sa vision du mond est toute bouleversée. C’ést, en effet, la vision verticale qui, soudain, se substitue à la vision horizontale ò laquelle il était toujours habitué. Aussi, le voyager aérien est il parfois complètement perdu en l’air. C’ést toute une …

Continue reading