Gawande: conta la qualità della vita, non la quantità

Sembra che il nostro obiettivo (come i medici) sia semplice: migliorare la salute e l’autonomia dei malati. Ma le richieste dei cittadini stanno diventando molto più grandi. Vogliono sapere come possiamo aiutarli a migliorare la quantità e la qualità della vita. Vogliono sapere che possono permettersi le cure e che non finiranno in bancarotta per …

Continue reading

Idee radicali (anche) per la sanità

Intersecazione tra livelli e contesti diversi. Ribaltamento del concetto di merito. Convinzione della possibilità di evitare il determinarsi delle disuguaglianze, senza limitare differenza e diversità. Questi sono solo alcuni dei temi guida delle 15 proposte del Forum delle disuguaglianze e della diversità. Il risentimento e la rabbia per le disuguaglianze sono le reazioni utili a …

Continue reading

Inguaribili ottimisti

Siamo circondati da cose straordinarie e non ce ne rendiamo conto. A parte il panorama di Roma che ogni giorno ipnotizza mio cugino – romano pure lui, eh – le cose davvero meravigliose riguardano la salute: è un continuo usare superlativi (1). E’ tutto un breakthrough. Si ricorre a superlativi per descrivere farmaci antitumorali approvati …

Continue reading

La Resistenza del medico pittore

Gabriel Deplante era un giovane medico diplomato a Lione quando partecipa alla battaglia di Narvik in Norvegia nel corpo di spedizione franco-britannico. Prima ufficiale medico, poi battaglione di Fanteria. Dopo l’armistizio del 1940 Il dottor Deplante si sposò e divenne chirurgo all’ospedale di Rumilly, sua città natale.  Decide, a quel punto, di entrare nella Resistenza …

Continue reading

Il paziente sceglie il farmaco sul menu

Il meccanismo è semplice: il paziente si prescrive la medicina e il medico approva. Il tutto viene fatto online. Un articolo sul New York Times spiega come funziona. “Proprio come Uber, che sostiene di non essere un’azienda di trasporti anche se collega autisti e passeggeri, i siti che vendono medicinali sostengono di essere piattaforme tecnologiche, …

Continue reading

Riviste scientifiche più attente alle bufale

Quando si parla di salute, il rischio di bufale è davvero dietro l’angolo. A pensarci bene sembrerebbe impossibile: davvero possiamo permetterci il lusso di prenderci in giro da soli su un aspetto così importante della nostra vita? Sembra strano, ma è così. Negli ultimi anni sono aumentate le iniziative utili a contrastare la cattiva informazione. …

Continue reading

Ripensare Twitter?

Twitter funziona meglio come una “rete basata sugli interessi“, alla quale accedi per leggere contenuti pertinenti a quello che ti riguarda e di cui vai in cerca, indipendentemente da chi li ha pubblicati, piuttosto che una rete in cui tutti hanno la sensazione di dover seguire una serie di altri account. In una forma diversa …

Continue reading

Scrivere e leggere di corsa non va bene

Marie Colvin era una reporter di guerra, costantemente affiancata dal fotografo Paul Conroy. “Lavorare con Mary era come sfogliare una cipolla” ha raccontato Conroy al festival internazionale di giornalismo di Perugia in un incontro commentato da Benedetta Ferrucci su sentichiparla.it/. “Era enorme la quantità di dettagli che Marie attraversava prima di buttare giù una singola …

Continue reading