Illegalità nella ricerca clinica

Si sta rompendo tutto. Il primo ad apparire sfasciato è stato il sistema della ricerca clinica sostenuta dall’industria (1) seguito a ruota dal medical publishing (2). L’ultima in ordine di tempo è stata la evidence-based medicine (3). Che le tre cose fossero legate lo pensavano in molti ma c’è voluta la lucidità e la sfrontatezza di Trisha …

Continue reading

e-Lezioni americane

Dietro questo gioco di parole c’è una persona che amava troppo le cose modeste, come di lui ha scritto Piero Citati. In linea con il carattere schivo, Italo Calvino aveva, dal 1957, rinunciato o semplicemente scelto di tenersi lontano dalle questioni che riguardavano la politica. Tocca noi, volendo, provare a usare il suo sguardo per …

Continue reading

Dylan, il Nobel e il Karolinska

Lo scrittore torinese Alessandro Baricco non l’ha mandata giù: “Premiare Bob Dylan con il Nobel per la Letteratura è come se dessero un Grammy Awards a Javier Marias perché c’è una bella musicalità nella sua narrativa”. Anche la reazione del poeta e critico letterario, Valerio Magrelli, non è meno risentita: “Non vedo il bisogno di …

Continue reading

Manca uno sguardo critico sulla medicina

Chi lavora nell’editoria sa che la fine dell’estate coincide con l’operosità (beh, più o meno) dell’attuazione dei buoni propositi e dei programmi fatti sotto l’ombrellone o camminando in montagna. Si definiscono i cataloghi delle riviste, ci si vede alla fiera del libro di Francoforte, si programmano le uscite autunnali sperando di recuperare tutti i ricavi …

Continue reading

Quale responsabilità per il giornalista scientifico?

Una via di mezzo tra informazione e intrattenimento:  ecco cos’è la gran parte del giornalismo scientifico. Infotainment, scriveva Jalees Rehman sul Guardian tre anni fa:  dalle posizioni più bizzarre dell’accoppiamento animale  alle associazioni imprevedibili tra cibi e longevità o all’ennesima medicina miracolosa che – chissà perché – potremmo tranquillamente far crescere noi stessi sul balcone di …

Continue reading

Numeri e uso cattivo delle parole

Ci addormentiamo a fatica pensando alla crescita zero della produzione nel secondo trimestre dell’anno. Ci svegliamo di notte con l’incubo del 35,6% di disoccupazione giovanile in Italia, oltre dieci punti dalla situazione tedesca. Ripensiamo al 43.03 di Van Niekerk nei 400 nello stadio di Rio. Divisi tra la confortante certezza del cronometro olimpico e la rassegnata …

Continue reading

Lettori o consumatori?

Il Salone internazionale del libro è nato a Torino nel 1988 e, dopo quasi 30 anni, l’Associazione italiana editori (AIE) ha deciso di non sostenerlo più e di costruire un evento alternativo e contemporaneo a Milano. Non è una baruffa campanilista ma una questione che suggerisce una riflessione sullo stato della cultura italiana e sui …

Continue reading

Noi siamo nella comunicazione

Ilaria è venuta a cena e l’indomani mi ha fatto un gran complimento. Mica mi ha scritto che gli gnocchi ai gamberi erano una favola. Invece, un messaggio per dirmi che a essere bellissime erano le librerie di casa. Per far capire che parlava del contenuto e non degli scaffali, ha aggiunto un aggettivo: identitarie. …

Continue reading