Jobs, il Lancet e la qualità di vita

Mi è capitato di leggere consecutivamente il numero speciale di Lancet Oncology dedicato alla sostenibilità delle cure e il racconto sul New York Times e su vari magazine americani delle ultime settimane vissute da Steve Jobs. Da una parte, un’analisi puntuale, finalmente senza apparenti condizionamenti, pragmatica al punto che a qualcuno potrà sembrare cinica: l’assistenza …

Continue reading

iHeaven e il nostro inferno

E’ atteso da un iHeaven, Steve Jobs. Mentre noi, il nostro inferno, ce lo siamo davvero meritato. Con il mondo profondamente colpito dalla morte di uno dei fondatori della Apple, in Italia siamo alle prese con qualcosa che in quasiasi Paese normale sembrerebbe uno scherzo: il tentativo (la pretesa?) di regolamentare il web. Si crede …

Continue reading

Il lavoro editoriale è impagabile

“A distruggere i libri, più che l’Inquisizione o la censura, sono gli stessi editori che li hanno pubblicati con tutte le speranze, l’attenzione e l’amore del mondo”. Parola di uno che se ne intende (di libri e evidentemente anche di distruzioni) come Oliviero Ponte Di Pino, direttore editoriale di Garzanti. Sapendo di poter contare su tanti “lettori …

Continue reading

Estate: i lettori sono animali notturni

“In estate non è il caso di appesantirsi con troppi libri. L’estate, specialmente marina, non è fatta per leggere e nemmeno per scrivere o tener lezione”. Avrà ragione Claudio Magris sul Corriere del 17 agosto? A nulla può il cocktail (improvvisato) di antidolorifici, antinfiammatori, stiracchiamenti artigianali; così come l’acquisto al supermarket di una seggiolina cinese …

Continue reading

Chi ricerca usa Twitter più Facebook

Su Repubblica del 13 agosto Maurizio Ferraris scrive sulle “comunità documentali”: Facebook è l’emozione e Twitter la ragione. L’urgenza di semplificare aumenta col caldo agostano? Uno studio del Charleston Observatory, Social media and research workflow  (University College of London e Emerald, dicembre 2010) ci dice qualcosa in più di come gli strumenti del social web sono …

Continue reading

… ma non fidarsi è meglio

“Promettiamo di non farlo mai più”. Ai primi d’agosto, il Journal Watch ha inviato un alert a tutti i propri lettori scusandosi per aver infranto l’embargo richiesto dal Lancet, avendo anticipato il contenuto di un articolo preannunciato alla stampa dal settimanale britannico. Una mezza giornata di anticipo, dovuta – hanno spiegato quelli della newsletter della …

Continue reading

Editoria, decrescita e riunioni di condominio

Dovrebbe esistere un Inferno tutto per gli editori, sosteneva Goethe. Nessun problema: è la vita che si sono cercati. Almeno, così sembra leggendo le Modeste proposte per le case editrici che Marco Cassini ha postato sul blog di Minimum Fax, di cui è proprietario. E pensare che l’innamoramento per la professione, comune a qualsiasi editore, …

Continue reading

Rebekah e Catherine, donne sull'orlo di una crisi…

Determinazione, tenacia, pellaccia: nessun dubbio siano doti condivise da Rebekah Brooks e Catherine DeAngelis. Meno probabile che la quarta caratteristica essenziale per un leader, il cuore tenero, trovi spazio nel petto di entrambe. Da qualche giorno continuo a pensare in parallelo alle vicende di queste due donne. La prima, chief executive di News International è …

Continue reading