Press enter to see results or esc to cancel.

L’articolo più importante dell’anno

Accendi il computer o lo smartphone e ti salta addosso la notizia che il tale tumore è stato sconfitto o per quell’altra forma di diabete hanno trovato la cura. Notizie tanto frequenti quanto lo sono i congressi internazionali dove decine di migliaia di medici di tutto il mondo fanno finta di credere ai risultati di sperimentazioni cliniche che arrivano a mettere a confronto in studi di non inferiorità un intervento con un placebo. Tanto frequenti quanto l’uscita delle “grandi” riviste di medicina generale, i principali strumenti per la diffusione delle false novità della medicina industriale. La smentita arriverà in seguito, ma nessuno ci avvertirà.

This is the MOST important medical paper of this year. I am serious. Please Bookmark; Read slowly. Studying this work should have the effect of reducing our hubris. John Mandrola

La capacità di identificare quelle che Adam Cifu e Viany Prasad hanno chiamato “medical reversal” è un requisito essenziale per ridurre la spesa sanitaria: smettere di fare cose inutili o dannose, in altre parole. A questi “ripensamenti della medicina” è dedicato un articolo che ha analizzato oltre 3000 studi randomizzati controllati (RCT) pubblicati in tre principali riviste mediche (JAMA, Lancet e New England Journal of Medicine) identificando 396 casi di medical reversal.(1)  La maggior parte degli studi (92%) è stata condotta su popolazioni in paesi ad alto reddito perché è qui che girano i soldi. Le malattie cardiovascolari erano l’ambito più comune (20%) e il tipo di intervento più frequente era il trattamento farmacologico (33%).

“In paesi come gli Stati Uniti – scrivono gli autori – dove c’è stato un aumento del 20% della spesa tra il 2013 e il 2015 e il prezzo dei farmaci ha superato da solo l’aumento della spesa aggregata per l’assistenza sanitaria, l’identificazione e l’abbandono di procedure costose e inefficaci (o anche possibilmente dannose) sono particolarmente importanti.” Prendiamo il caso di bevacizumab, farmaco approvato nel 2008 dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti con approvazione accelerata per il carcinoma mammario metastatico. Essendo stato in seguito dimostrato che non migliora la sopravvivenza globale, l’approvazione della FDA per tale indicazione è stata ritirata nel novembre 2011.

Lo studio non considera esclusivamente terapie farmacologiche ma anche trattamenti diversi e a carico del paziente, come la terapia comportamentale cognitiva, agopuntura, integratori alimentari o dispositivi indossabili, tecnologie terribilmente di moda tra chi monitora la propria propria attività fisica nel tentativo di perdere peso.  Uno studio sull’uso di questi device wearable, tuttavia, ha rilevato che la perdita di peso era significativamente inferiore in chi li portava rispetto a chi non li aveva indosso. “Quanto più – sostengono gli autori – gli interventi sanitari sono prontamente accessibili a tutti senza prescrizione medica, tanto maggiore è la necessità che ci sia un confronto tra medico e cittadino sull’efficacia e che l’autorità regolatoria agisca nell’interesse dei pazienti.”

Il “contrordine compagni” risuona sempre più spesso in una medicina sempre più “industriale” ed esposta agli interessi delle imprese, così che l’importanza della ricerca indipendente, governativa e non esposta a conflitti di interesse è ogni giorno più sentita. 

Se i trattamenti fossero valutati con attenzione prima della loro introduzione nella pratica clinica corrente si risparmierebbe del denaro e i pazienti sarebbero più sicuri. In mancanza di un’attitudine regolatoria diversa, i clinici dovrebbero essere più prudenti nell’adottare le novità proposte costantemente dalla ricerca clinica sponsorizzata.

  1. Herrera-Perez D, Haslam A, Crain T, et al. A comprehensive review of randomized clinical trials in three medical journals reveals 396 medical reversals. eLife 2019;8:e45183 DOI: 10.7554/eLife.45183
Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Da @nzingaretti dopo ascolto mondo non-PD: per "nuovo PD" "giustizia sociale è I principio ordinatore società" +"ricostruire classe dirigente nazionale" +"creare spazi di confronto plurale" +"cambiamo regole inadeguate" Se parte nuovo metodo, opportunità a sinistra

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…