Press enter to see results or esc to cancel.

Serve una rivoluzione?

Durante i quindici giorni di vacanza a Diafani, nell’isola di Karpathos in Grecia, ho rubato parecchio tempo a un’amica, Elena Granaglia, per parlare delle tesi di Victor Montori, medico peruviano che lavora come clinico e ricercatore alla Mayo Clinic negli Stati Uniti. Elena è economista, insegna Scienza delle Finanze nella facoltà di Giurisprudenza dell’università di Roma Tre. Mi interessava soprattutto capire quali sono le dinamiche che trasformano un mercato in un’industria. In sintesi, è quello che è capitato ai sistemi sanitari dei paesi ricchi.

La medicina è diventata un’industria e la sua finalità – prendersi cura delle persone malate – è stata messa da parte. Victor Montori

Rileggendo libri ormai antichi, come La medicina è malata, di Giovanni Berlinguer e Severino Delogu pubblicato nel 1959, e più recenti come Il mercato della salute di Gianfranco Domenighetti, il quadro è abbastanza chiaro: anche un progetto nato con le migliori intenzioni – come il Servizio sanitario nazionale – può diventare il mezzo per trasformare un’opportunità (migliorare la cura delle persone tutelando la loro salute) in un rischio (inserire i cittadini in un sistema che non si trattiene dal produrre malattia, dimenticando di operare per proteggere le persone dalla malattia).

Elena mi ha fatto il regalo di preparare insieme le pagine che introducono l’edizione italiana del libro Why we revolt che si aggiunge alle numerose traduzioni che stanno uscendo in diversi paesi del mondo. Eccole [Presentazione_Montori] e non posso che regalarle a mia volta a chi vorrà avvicinarsi al libro di Victor. Per una volta faccio pubblicità, anche perché abbiamo voluto mantenere il prezzo del libro più contenuto possibile, per favorire la sua diffusione. [qui è possibile acquistarne una o più copie]

 

 

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Tutto pronto per l'#aperitwitter di domenica al Convegno #SIC2018. Portiamo un po' di Twitter nel mondo della cardiologia italiana. E ci beviamo uno spritz. pic.twitter.com/jvVUOR8Rgn

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…