Press enter to see results or esc to cancel.

Mi curo con la lana

Tra le mille “giornate della medicina” non poteva mancare quella dell’omeopatia che proprio nel vedersi in questo originalissimo calendario delle sfighe potrà trovare conferma d’esser Scienza. Ogni 11 aprile ci sarà dunque ricordato che un italiano su cinque fa ricorso alle diluizioni di Hahnemann (che da centesimali sono diventate ormai cinquantamillesimali ma, si sa, c’è la crisi).

Ancora: che ventidue volte su 100 il consiglio viene dal farmacista ma in questo caso nessuno protesta per lo sconfinamento professionale. Che quasi nessuno resta perplesso di fronte a quel 30 per cento di medici regolarmente iscritti all’Ordine che prescrive acqua fresca. Che il mondo sanitario non sembra conoscere mezze misure: per il dolore si prescrivono oppiacei o pulsatilla e per l’influenza la scelta è tra tamiflu e belladonna. Che cala la popolarità dei fiori di Bach e cresce quella dell’arnica, forse perché la medicina alternativa fiorisce al confine e in montagna – come la grappa – , e lo testimonia il successo che riscuote nei territori ricchi e di frontiera.

[Dal maggio 2017, anche i piani assicurativi del sistema sanitario svizzero garantiranno il rimborso di alcuni trattamenti omeopatici. Leggi la notizia, se vuoi. Sarebbe interessante provare a capire quanto questa opportunità sia dovuta alla necessità delle assicurazioni di soddisfare comunque i propri clienti, offrendo però prestazioni solitamente meno costose di quelle della medicina tradizionale, aspetto non secondario in un sistema sanitario particolarmente costoso.]

Ogni 11 aprile leggeremo un servizio sulla Regione Toscana dell’entusiasta vicepresidente Stefania Saccardi, fiera del Centro di medicina integrata aperto a Pitigliano che garantisce omeopatia a pazienti oncologici e in corso di riabilitazione post-ictus. Ci sarà anche un articolo sull’Azienda sanitaria di Bolzano che ha voluto assicurare “cure” complementari ai malati di cancro e ai pazienti cronici.

[Speriamo bene. Intanto, in Canada, una giovane coppia di genitori è in attesa di giudizio per aver “curato” il proprio bambino malato di meningite con una mistura di peperoncino piccante, aglio e rafano. Ezekiel è morto.]

I sostenitori dell’omeopatia sono onnipresenti e non perdono occasione per riproporre i vantaggi dei metodi da loro seguiti. Nell’incessante confronto, hanno messo sulla bilancia la salute dei reali d’Inghilterra che si “curano” così dal 1835, celebrando l’immortalità della Regina.

I would suggest that the whole imposing edifice of modern medicine, for all its breathtaking successes, is like the celebrated Tower of Pisa, slightly off balance. Carlo d’Inghilterra

Dunque: mai più senza libertà di scelta sul come curarsi. Se la salute è globale deve esserlo anche la terapia. Non c’è bisogno di prescrizione neanche per la lana della val d’Ultimo, particolarmente pregiata perché andava a spasso su esemplari che pascolano in alta quota. “E’ un toccasana per la stimolazione della microcircolazione ma anche per la cura di dolori cronici. E’ ben tollerata da ogni tipo di pelle e ha un effetto emolliente. (…) L’utilizzo della lana per la cura del corpo è spesso consigliato anche e soprattutto per la cura dei dolori reumatici, dolori al collo, artrosi, dolori muscolari e nevralgie.” Ti ci devi metter dentro, alla lana, meglio se in un resort in quota e “accompagnato da una fumigazione con erbe di montagna locali, che purificano lo spirito e facilitano un profondo rilassamento.”

Non è necessaria diluizione, in questo caso. Tutt’al più quella potrà esser suggerita per il traminer di Elena Walch che non potremo non assaggiare, che dopo tutto guardi dall’alto la strada del vino. E’ praticamente sicuro che staremo meglio: inutile discutere della differenza tra cura e guarigioni.

Dopotutto, son questioni di lana caprina.

[questa nota è uscita anche nello spazio Mai più senza… , previsto su ogni numero della rivista Ricerca & Pratica, dell’Istituto Mario Negri]

 

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Qualcuno un po’ fomentato chiederebbe “Massima condivisione!” Io sono semplicemente felice di aver avuto Sir @MichaelMarmot a @forwardRPM condividendo il suo carisma con tanti amici come @AntonioAddis2 @musicco63 @camialderighi @RasoiniR @oncoblogger @fperrone62 @stemagno74 ... twitter.com/forwardrpm/sta…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…