Press enter to see results or esc to cancel.

Il mistero della Salute

Se chiediamo aiuto a Wikipedia per giocare sui significati della parola settecento, l’enciclopedia libera è avara e risponde indicando solo il secolo dei lumi. Settecento è dunque termine che parla di razionalità, del coraggio di servirsi della propria intelligenza come punto di partenza sulla strada della conoscenza.

Per l’allegria dell’anniversario  e correndo il rischio di paragoni improponibili, anche per Va’ Pensiero il numero 700 potrebbe rappresentare un punto di partenza e non di arrivo. Per questo, abbiamo voluto capitasse nel mezzo di una serie di uscite dedicate alla presenza del paziente nella medicina di oggi. Dopo l’e-patient e la malattia vestita di narrazione di Sandro Spinsanti, sul settecentesimo numero segnaliamo uno studio svolto all’ospedale San Paolo di Milano sui medici e i malati che nel colloquio “parlano d’altro”. Al di là di qualche naïveté nella ricerca, la questione è centrale: la clinica è l’esito di un confronto al quale contribuiscono scienza, coscienza e esperienza. Prove, riflessione, vissuti.

Ends need means. Andrew Herxheimer

L’incontro tra medico e malato è possibile dia risultati “migliori” se ciascuno si mette in gioco con la propria umanità oltre che con le proprie competenze. Se non lo è addirittura la medicina nel suo complesso – come sostiene spesso e con convinzione Ivan Cavicchila cura è in una relazione. Corretta o sbagliata, imperfetta o asimmetrica. <Quella “alleanza conflittuale” – commenta Salvo Fedele ricordando il grande Andrew Herxheimer – tra medico e paziente che il tessuto socio-culturale del nostro paese sembra ormai aver definitivamente disperso, permettendo solo il realizzarsi di “alleanze diseguali” e/o “conflitti irreparabili”.>

Condividendo la propria umanità solo apparentemente le cose si complicano. I vissuti, le aspettative personali sciolgono nodi e raramente ne creano. Vale per il malato ma anche per il medico, se pensiamo ai tanti casi di malpractice o di “medicina difensiva” che nascono da una comunicazione sbagliata o assente. Il mistero della Salute aumenta nella in-comprensione. Se guardiamo la locandina del programma healthtalk.org di cui parla Salvo Fedele nel suo post, vediamo che la parola comunicazione non c’è. Tipicamente, comunicazione è unidirezionale e nel progetto nato dal lavoro di Herxheimer e di Ann McPherson si dice di condivisione (sharing) e di ascolto (listening).

Settecento come punto di partenza, dunque. Sul primo numero di Vappe parlavamo di linee-guida e di evidenze, di costo delle terapie e di pazienti-consumatori. Dopo 16 anni stiamo qui a parlare delle stesse cose ma lo sguardo è un po’ più disincantato. Sappiamo ormai che di “prove” ce n’è quante ne vogliamo: purtroppo, ce ne sono anche tante quante ne se ne vogliono costruire. Non per questo, però, va trascurata o sminuita la loro importanza: è semplicemente necessario un sovrappiù di prudenza e di testarda convinzione a sostenerne la centralità.

Ma anche la buona ricerca può produrre un’incertezza informata e consapevole. A quel punto, i valori giocano un ruolo fondamentale nell’orientare le decisioni o, meglio, le scelte. E ripartire dai valori non è altro che proseguire sulla stessa strada, rinnovata.


 

 

Rinnovamento

(La poesia di Andrew Herxheimer a distanza di due settimane dall’intervento subìto di protesi del ginocchio) 

After 70 years the knee was tired, weak, rebellious,
though still a friend and part of me.
They replaced grating bone with plastic and steel,
fixed to the old bones, bound by faithful muscle and skin,
new parts of me on probation.
I bend them to my will to make them a full member of the team:
a happy and confident knee, setting off only a few alarms.

Ends need means, said the foot to the hand.
Read our lips said the hips, gritting their teeth.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Come disseminare la ricerca nella comunità scientifica? Come avvicinarla ai cittadini? Un incontro alla biblioteca dello Irccs Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Molto utile anche per me e per Ar... 👏🏻 pic.twitter.com/KDXeyfaG8y

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…