Press enter to see results or esc to cancel.

Le riviste scientifiche: vecchie e potenti

Grande entusiasmo a Boston. Meno ottimismo di quanto non abbia manifestato il direttore del New England Journal of Medicine, Jeffrey Drazen, è quello che si respira a 137 miglia di distanza, alla Yale University. Harlan M. Krumholz, direttore di Circulation Cardiovascular Quality and Outcomes, propone una prospettiva radicalmente diversa in un articolo dal titolo emblematico (se non programmatico): The end of journals2.

Siamo arrivati al punto di snodo dove la medicina e la scienza hanno bisogno di nuovi strumenti per la disseminazione del sapere. Harlan Krumholz

La premessa è fondamentale per comprendere il punto di vista di Krumholz: come direttore di una rivista, ricercatore e avido lettore di letteratura scientifica sono nelle migliori condizioni per riflettere sulla situazione delle riviste scientifiche. Aggiungendo, elegantemente, che le sue osservazioni si riferiscono in primo luogo alla propria rivista.

Le riviste sono troppo lente. Il percorso di pubblicazione è troppo lungo e i tempi che separano la conclusione di uno studio (e la preparazione di un articolo) dalla uscita su una rivista sono inaccettabili soprattutto perché – implicitamente – questo ritardo può apparire come una conferma della sostanziale inutilità di gran parte dei contenuti pubblicati. Se non c’è fretta…

Le riviste sono troppo costose. Dal punto di vista degli autori, le spese stanno crescendo, non soltanto in caso di pubblicazione su periodici che seguono il modello dell’open access. I fondi per pagare la pubblicazione vengono sottratti ai finanziamenti per la ricerca e non è accettabile che la medicina accademica sostenga costi così elevati pur continuando a offrire tempo e competenza per lo svolgimento dell’attività non retribuita di peer review. Per non parlare dei costi degli abbonamenti, diventati ormai insostenibili per gran parte delle biblioteche.

Le riviste sono troppo limitate. Tra le migliaia di cartelle di cui sono composti i Clinical Study Reports utili per l’approvazione dei nuovi farmaci e le 6 o 7 pagine pubblicate su una rivista c’è un abisso di conoscenza mancante. Il fattore di compressione tra l’una e l’altra fonte è un segnale di allarme3 soprattutto considerando la scarsa trasparenza sui criteri di selezione di dati e informazioni nel passaggio dalle autorità regolatorie al pubblico.

Le riviste sono troppo inaffidabili. La revisione critica è imperfetta e manca di trasparenza. I criteri che contribuiscono a filtrare l’informazione e a valutarne la qualità non sono chiari e riviste simili possono arrivare a conclusioni diverse in merito al valore di un contributo.

Le riviste si concentrano troppo sulle metriche sbagliate. L’impact factor è la misura della qualità di un periodico anche se la comunità scientifica è consapevole dei limiti di questo indicatore. Nonostante tutto, resta un riferimento indiscusso così che autori, editor e editori guardano più alle citazioni attese che al valore di un articolo.

Le riviste sono troppo potenti. L’accettazione di un articolo da parte di una rivista importante può valere una carriera o la fortuna di un prodotto farmaceutico o di un device. Ripresi dalla stampa laica, i contenuti pubblicati dalle riviste scientifiche influenzano in modo rilevante i comportamenti dei cittadini e le decisioni dei policy-maker. La concentrazione di potere è, in sostanza, troppo elevata.

Le riviste sono troppo parrocchiali. Sebbene la scienza non abbia confini, i periodici scientifici li hanno, eccome. L’impressione è che difendano i propri steccati, privilegiando chi è all’interno di una disciplina, di una nazione, spesso di una università, di una società scientifica o, addirittura, di un reparto.

Le riviste sono troppo statiche. Un articolo è qualcosa che viene pubblicato, punto e basta. Pochi commenti, poco dibattito e anche poca creatività nel rendere più dinamici e comprensibili i contenuti.

Le riviste dipendono troppo da un modello di business falsato. L’editoria scientifica somiglia troppo a un ristorante dove il cliente deve cucinare le pietanze, servire la cena e pagare il conto. Serve maggiore trasparenza di profitti e perdite degli editori, per una ragionevole equità nei confronti degli autori ai quali è chiesto – spesso come condizione – di dichiarare ogni reddito percepito.

L’analisi di Krumholz è lucida, realistica e suggerisce un cambiamento. Sul primo numero del 2016, Recenti Progressi in Medicina pubblicherà un quadro sintetico dei ricavi e dei costi della rivista, a beneficio dei lettori. Allo stesso tempo, la policy sul conflitto di interessi prevederà la presenza sistematica di una disclosure.

Il punto di vista del cardiologo di Yale coincide per molti aspetti con quello di Richard Smith che il 22 ottobre scorso, sui blog del BMJ, ha proposto due elenchi: 14 cose che non funzionano nell’editoria scientifica e 12 possibili correttivi4. Il medical publishing soffre lo stesso problema della ricerca: lo spreco. Di tempo, denaro, attenzione, carta, e si perde di vista che il valore va trovato nei risultati degli studi e non nella pubblicazione: «What matters now are not journals but studies backed up by the data on which they are based». La soluzione? Restituire interamente alla scienza ciò che, in fin dei conti, è suo. L’output della ricerca deve essere pubblicato su database pubblicamente accessibili, in un’ottica di condivisione aperta dei dati e di discussione degli stessi.

Private (o liberate) dei report della ricerca, le riviste dovrebbero trovare un altro modello economico (e culturale) per sopravvivere. L’augurio è che possano tornare a essere uno spazio di discussione e di dialogo, per un confronto costante sui temi clinici e di politica sanitaria, e per un opportuno e più tempestivo scambio di idee su quello che si intravede all’orizzonte.

  1. Drazen JM. Fifteen years. New Engl J Med 2015; 373: 1774-5.
  2. Krumholz HM. The end of journals. Circ Cardiovasc Qual Outcomes 2015; 8: 533-4.
  3. Doshi P, Jefferson T. Clinical Study Reports of randomized controller trials: an exploratory review of previously confidential industry reports. BMJ Open 2013; 3: e002496.
  4. Smith R. A better way to publish science. BMJ Blogs 2015; 22 ottobre 2015.

 

Comments

Leave a Comment

Tweet

Bishal Gyawali

MITO trials have always been instrumental to guide ovarian ca Rx. Congrats again @fperrone62 and team on this important work. twitter.com/fperrone62/sta…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…