Press enter to see results or esc to cancel.

Ci vuole YouPorn per la ricerca scientifica

Playboy ha deciso di non pubblicare più fotografie di donne completamente nude. E’ la risposta ad una grave crisi di lettori: erano 5,6 milioni nel 1975 e oggi sono solo 800 mila. I maschietti che mancano sono davanti al computer o al cellulare dove l’offerta non manca ed è pure gratuita. Non pubblicare nudo integrale di donna sembra una risposta folle ma potrebbe rivelarsi un’idea eccellente.

Solo Google o Facebook competono con i principali siti porno. Soprattutto, quello che colpisce è il tempo di permanenza: su un sito di informazione come il New York Times o Wired restiamo in media intorno ai 3 minuti, mentre su YouPorn restiamo imbambolati per venti. Circa il 30 per cento del traffico giornaliero è generato da siti a luci rosse.

You’re now one click away from every sex act imaginable for free. Scott Flanders, Playboy CEO

Database di video in crescita costante, alimentati anche da – come dire? – non addetti ai lavori, persone non del mestiere ma che talvolta sono più bravi dei professionisti. Nessuno o pochissimi filtri di qualità, open access dell’indecenza. Aggiungiamo anche che il traffico è ormai in gran parte generato dai social media e sia Facebook, sia Twitter non pensano ad cedere alle pressioni del movimento del “free nipples“.

La risposta di Playboy è intelligente e sarà forse esemplare. La rivista sarà più …pulita anche nella grafica e per questo sarà più moderna. Fotografie di nudo, certamente, ma non integrale, meno improbabili ed estreme: “a little more accessible, a little more intimate”, ha anticipato Cory Jones, chief content officer al New York Times. Playboy pubblicherà in primo luogo commenti, dibattiti, interviste, giornalismo di inchiesta: quello che serve, insomma.

Ci vorrebbe un YouPorn della ricerca scientifica.

Chiunque potrebbe usarlo per pubblicare le proprie ricerche: ricordiamolo, nell’85 per cento dei casi si tratta di roba indecente. Chiunque potrebbe accedere gratis. A quel punto, le riviste di medicina dovrebbero dare spazio a quello di cui abbiamo bisogno: commenti, dibattiti, interviste, giornalismo d’inchiesta.

La salute della gente ne avrebbe da guadagnare.

Comments

Leave a Comment

Tweet

Jeanne Lenzer

Man Booker Prize winner Saunders explains how to write. Oh so true, so true: pic.twitter.com/UUNhv4TDVN

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…