Press enter to see results or esc to cancel.

Chi non è della Google Generation?

Semplice.

1. Per leggere qualcosa devi stamparla.

2. Se mandi una mail telefoni per sapere se l’hanno ricevuta.

Non sei un “nativo digitale” e nel tuo cervello non c’è spazio per quel minimo di mappa mentale che ti permetterebbe di capire – tanto per dirne una – come funziona l’informazione su internet. Non hai chiaro nella testa che un conto è un database, altro è un catalogo librario e altro ancora un motore di ricerca. Per cui, per te, Pubmed vale Science Direct e tra questi due e Google praticamente non c’è differenza (anzi, per te c’è: i due li consideri e Google no).

La Google Generation, si diceva. Per qualcuno (come Hannah Spring, editorialista di Health Information and Libraries Journal) è una generazione a rischio dal punto di vista culturale: chi ne fa parte ha la tendenza a navigare in superficie, a non approfondire l’informazione online, muovendosi rapidamente tra le pagine web e dando solo un’occhiata fugace a ciò che trova. Ancora: la ricerca è importante di per sè, non è un mezzo ma il fine (“more emphasis is placed on the journey to the information than the arrival at it”.

La Google Generation ha un vantaggio: sa usare la Rete, sa stare in rete. Sa che la ricerca (clinica, documentale: tutta) non è un’attività individuale e ci può stare che qualcuno stia più in superficie e qualcun altro scenda, si immerga, approfondisca. Perché quello che uno avrà trovato saprà come condividerlo e il confronto è la ricerca, è l’approfondimento.

Spring H. Health professionals of the futurre: teaching information skills to the Google Generation. Health Information and libraries 2010;27:158-62.

Tags

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

She is a 20 yr old w leukemia who “had recently suspended treatments because she maxed out the annual limit on her health insurance...If 3 people are willing to pay $120,000 or more for a banana, she said, then surely there are people who will help with her hospital expenses.” twitter.com/nytimes/status…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…